TEATRO AN OK 3.jpg CAMBIAMENTO OK.jpg CITTADINANZA OK.jpg interculturalità OK 2.jpg interculturalità OK.jpg danza ok 3.jpg
 
Home
 
 

Venerdì 28 giugno gran finale del progetto IntegrArts,

incentrato sull'integrazione sociale e culturale dei giovani attraverso laboratori artistici e percorsi educativi.

Appuntamento alle 17.00 alla Biblioteca Comunale di Quartu Sant'Elena.

 

Arte, creatività, condivisione saranno i temi portanti dell'evento finale del progetto IntegrArts, che venerdì 28 giugno (alle 17.00), negli spazi della Biblioteca Comunale di Quartu Sant'Elena (in via Dante n.68), segnerà le sue battute conclusive.

Il progetto, nato con l'intento di creare occasioni di incontro e confronto tra giovani di diverse culture, favorendo l'integrazione sociale, prevenendo il disagio, la discriminazione e la marginalizzazione, è stato promosso da una partnership che vede come capofila il Comune di Quartu Sant'Elena,affiancato dall'Associazione Arcoiris Onlus e dalla Scuola Secondaria Statale di 1° Grado "Lao Silesu"(Centro Territoriale Permanente- Distretto n° 24), con il cofinanziamento del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi 2007 – 2013 (Azione 3 - Progetti giovanili), gestito dal Ministero dell’Interno (Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione). IntegrArts è stato selezionato dal Ministero dell'Interno tra le 91 proposte ammesse a finanziamento in ambito nazionale (su un totale di 922 domande), classificandosi dodicesimo per l'Azione 3 (Progetti giovanili).

Le attività, che hanno preso il via nell'ottobre del 2012, hanno coinvolto circa 150 giovani italiani e stranieri (Algeria, Afghansitan, Argentina, Bielorussia, Bulgaria, Cina, Etiopia, Gambia, Guinea,Iraq Italia, Lituania, Marocco, Nigeria, Pakistan, Perù,Romania, Senegal, Stati Uniti d'America, Togo, Turchia, Ucraina, Vietnam sono le nazionalità coinvolte nel progetto) tra i 6 e i 26 anni, creando occasioni di educazione e socializzazione sempre all'insegna dell'incontro e del confronto tra culture, attraverso laboratori artistici (cinema, teatro d'animazione, danza, musica, scrittura creativa, fumetti, fotografia) e specifici corsi diinformatica di base, grafica informatica, italiano L2, educazione alla cittadinanza, all’ interculturalità e al cambiamento.

L'evento finale, con performance di teatro d'animazione, danza e musica, mostre, giochi di società, e proiezioni, metterà in luce il frutto di queste attività, che hanno reso i giovani di Quartu Sant'Elena protagonisti attivi della vita sociale, fornendo loro nuovi strumenti per valorizzare le proprie capacità e il proprio talento espressivo.


All'incontro prenderanno parte il Sindaco del Comune di Quartu Sant'Elena Mauro Contini, l'Assessore alle Politiche Giovanili Livia Boi, la coordinatrice del progetto IntegrArts Nada Galli, la presidente dell'Associazione Arcoiris Onlus Arlen Haideé Aquino e Salvatore Angius, dirigente dellaScuola Secondaria Statale di 1° Grado "Lao Silesu".



 
 
 
 
 
 
 
 
------------------------------------------------------------------------
 
IntegrArts è un progetto promosso da una partnership che vede come capofila il Comune di Quartu Sant'Elena, affiancato dall'Associazione Arcoiris Onlus e dalla Scuola Secondaria Statale di 1° Grado "Lao Silesu" (Centro Territoriale Permanente- Distretto n° 24), con il cofinanziamento del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi 2007 – 2013 (Azione 3 - Progetti giovanili), gestito dal Ministero dell’Interno (Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione).
 
Attraverso iniziative mirate alla valorizzazione della creatività, come laboratori artistici, corsi ed eventi, IntegrArts si rivolge ai giovani italiani e stranieri residenti nel comune di Quartu Sant'Elena, per creare occasioni di incontro, confronto e condivisione tra ragazzi di diverse culture.
 




 
 

 

<< <  Pagina 2 di 2

gen 30, 2013
Tra i laboratori di integrArts riveste un ruolo chiave il corso di Informatica di base, destinato a giovani italiani e stranieri che ancora non hanno dimestichezza con l'uso del computer e delle nuove tecnologie. Il corso nasce anche dall'esigenza di superare il digital divide tra giovani cittadini stranieri e autoctoni, favorendo in tal modo la loro interazione mediante un momento di apprendimento comune e la creazione di interessi comuni che possono diventare un maggior motivo di scambio e confronto.